QSA Consulting & Project

Sicurezza nelle scuole, dall’Inail un vademecum per la gestione delle emergenze

ottobre 16, 2014adminNovità, Risorse0

ucm_150292Circa 50mila scuole, per 437mila insegnanti e più di 6 milioni di studenti. Questi i numeri della scuola dell’obbligo in Italia, che come ogni luogo di lavoro deve essere un ambiente sicuro per coloro che la frequentano quotidianamente.

Per contribuire alla diffusione sempre maggiore di una “cultura della prevenzione” anche nel mondo della scuola, arriva dall’Inail il “Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell‘infanzia, primarie e secondarie di primo grado”.
Il manuale – disponibile per il download sul portale Inail – vuole essere un valido strumento di conoscenza dei rischi presenti nelle scuole, evidenziando i pericoli spesso sottovalutati ma a volte responsabili di danni gravi alle persone.

Il vademecum segue le indicazioni dettate dal D.Lgs. 81/2008 e dalle sue modifiche e integrazioni, e illustra in modo semplice e diretto gli interventi specifici da effettuare nella gestione di un’emergenza.
È innanzitutto un supporto pratico per il personale che riveste i ruoli di Incaricato alle Emergenze di Primo Soccorso e Incaricato alle Emergenze di Prevenzione e Lotta agli Incendi. Ma, grazie al linguaggio chiaro e all’abbondanza di illustrazioni, può essere un’ottima fonte informativa anche per i non addetti ai lavori: insegnanti, collaboratori scolastici, genitori e studenti.

Stress al lavoro? Ci aiuta Napo!

ottobre 8, 2014adminNovità, Risorse1

La prevenzione e la gestione dello stress nei luoghi di lavoro è sempre al centro di importanti campagne dell’OSHA, l’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro.
“Stress al lavoro” è il più recente filmato che vede protagonista Napo, l’eroe di una serie di film di animazione coprodotta da un consorzio di istituzioni europee per sensibilizzare in maniera comunicativa e divertente sui rischi psicosociali sul posto di lavoro.

Il simpatico personaggio rappresenta un generico lavoratore che si trova ad affrontare situazioni comuni in cui emergono i problemi che possono presentarsi sul lavoro e portare a situazioni di stress. Napo individua i rischi e trova soluzioni pratiche per migliorare la sicurezza e l’organizzazione.
I film di Napo – privi di dialogo in modo da essere compresi da persone di culture ed estrazioni sociali diverse – vengono periodicamente pubblicati e sono tutti disponibili sul portale dedicato. Sono a disposizione anche dei kit per insegnanti sviluppati in modo specifico per la sensibilizzazione sui temi della salute e sicurezza sul lavoro dei bambini dai 7 agli 11 anni.

QSA Consulting & Project insieme a IMQ per le attività di verifica di ascensori e impianti di terra

settembre 25, 2014adminNovità, Risorse, Servizi0

ascensore-270pxPer offrire servizi sempre più qualificati e adeguati alle esigenze delle imprese, è fondamentale avere al fianco i partner migliori.
QSA Consulting & Project collabora con l’IMQ S.p.A. – ente italiano leader nel settore della valutazione della conformità e certificazione di prodotto e di sistemi di qualità e di gestione aziendali – per le attività di verifica ascensori (D.P.R. 162/1999) e per le verifiche di terra (D.P.R. 462/2001).

L’attività di verifica degli ascensori prosegue da anni con successo grazie alla determinazione di tutto lo staff. Oggi QSA Consulting & Project gestisce un numero elevato di impianti ascensori superando abbondantemente le 1100 unità nell’ambito delle province di Latina, Frosinone e Roma. Allo stesso tempo si sta sviluppando in modo soddisfacente l’attività di verifica degli impianti di terra che, anche se appena partita, ha già raggiunto numeri interessanti.

Forte dei risultati ottenuti e dell’importante collaborazione con IMQ, QSA Consulting & Project è in grado di svolgere l’attività di consulenza alle aziende davvero a 360 gradi. Per saperne di più, o richiedere un consulto in base alle proprie esigenze, gli uffici di QSA Consulting & Project sono a vostra disposizione.

“Casa Si Cura”, per la prevenzione degli infortuni domestici tra i collaboratori familiari

luglio 4, 2014adminNovità, Risorse0

ucm_133490Nell’ambito dell’attività di prevenzione contro gli infortuni domestici, il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali ha finanziato il progetto “Casa sicura – Campagna sulla salute e sicurezza per i collaboratori domestici stranieri in Italia”.
L’iniziativa è volta a promuovere la cultura della prevenzione e della sicurezza tra i collaboratori familiari stranieri residenti in Italia e a sensibilizzare le famiglie presso cui questi lavoratori svolgono la loro attività di cura e assistenza, con l’auspicio di contribuire così alla riduzione del rischio di infortuni.

Il progetto, alla sua prima edizione, è frutto della collaborazione tra Inail e Fondazione Labos ed ha portato alla pubblicazione di un opuscolo informativo dal titolo “Casa Si Cura – Istruzioni ad uso dei collaboratori familiari”, scaricabile dal portale Inail in quattro diverse edizioni – inglese, spagnolo, russo e rumeno – e contenente anche tutte le informazioni utili relative ai documenti necessari e agli aspetti legali legati al lavoro del collaboratore familiare.

Stress lavoro-correlato, il portale Inail per le aziende

luglio 2, 2014adminNovità, Risorse0

inail-manuale-stress-250pxCi siamo soffermati qualche settimana fa sull’importante problema dello stress lavoro-correlato, in occasione della campagna europea 2014-2015 promossa dall’OSHA.
L’Inail, che coordina la campagna in Italia, oltre alle iniziative di sensibilizzazione in calendario propone un utile portale informativo rivolto alle imprese per la valutazione e la gestione del rischio da stress sul luogo di lavoro secondo la normativa vigente.

Nel portale è disponibile per il download il manuale “Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro-correlato”, una pubblicazione che fornisce all’azienda le indicazioni per la gestione del rischio psicosociale al pari degli altri rischi previsti dalla normativa. Previa registrazione poi, si può accedere agli strumenti per effettuare la valutazione e la gestione del rischio da stress lavoro-correlato attraverso un percorso scientificamente corretto, con il coinvolgimento coordinato e partecipato dei lavoratori e delle figure della prevenzione presenti in azienda.

“Considerare il problema dello stress sul lavoro – si legge nell’Accordo Europeo sullo stress sul lavoro del 2004 – può voler dire una maggiore efficienza e un deciso miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro, con conseguenti benefici economici e sociali per le aziende, i lavoratori e la società nel suo insieme”.

Il rischio chimico nel settore edile, un manuale per la prevenzione dalle malattie professionali

giugno 27, 2014adminNovità, Risorse0

ucm_120425Tra gli ambienti più pericolosi per l’incolumità dei lavoratori il cantiere edile è uno di quelli che si ritrova ad essere più spesso teatro di infortuni anche gravi. Oltre agli incidenti, nel settore delle costruzioni c’è un altro grande fattore di rischio che riguarda le malattie professionali. Sebbene abbiano minore risonanza rispetto agli infortuni, sono in genere correlate all’esposizione dei lavoratori a sostanze nocive.

L’esposizione agli agenti chimici nocivi è un aspetto spesso sottovalutato nei cantieri: solventi, adesivi, oli minerali e sostanze bituminose rappresentano un pericolo quotidiano per i lavoratori. Inoltre, la presenza di queste sostanze nell’ambiente può comportare rischi anche per la sicurezza a causa del verificarsi di incendi, esplosioni o ustioni chimiche.

Oggi esistono soluzioni avanzate ed efficaci per la protezione dei lavoratori. Per aiutare gli addetti all’edilizia a difendersi dai rischi chimici l’Inail mette a disposizione, sul proprio portale, un manuale gratuito dal titolo “Il rischio chimico nel settore edile – Se lo conosci lo eviti”. I temi affrontati nel volume sono esposti con un largo uso di illustrazioni per rendere comprensibili a tutti i contenuti, tenendo conto dell’ambiente multietnico e dei diversi livelli di scolarizzazione che spesso contraddistinguono il comparto edile.

Prevenire gli infortuni sul lavoro in ambienti inquinati o confinati, il manuale Inail

giugno 24, 2014adminNovità, Risorse0

ucm_portstg_114858Negli ultimi anni gli incidenti sul lavoro in ambienti inquinati sono saliti alla ribalta della cronaca per infortuni mortali che si sono ripetuti con dinamiche spesso molto simili tra loro. Al fine di incidere positivamente sul fenomeno si è arrivati all’emanazione del DPR n. 177/2011, un regolamento che ha introdotto norme per la qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi operanti in ambienti “sospetti di inquinamento o confinati”.

Inail mette a disposizione sul proprio portale un manuale pratico che illustra le procedure di sicurezza previste dal decreto. Il “Manuale illustrato per lavori in ambienti sospetti di inquinamento o confinati ai sensi dell’art. 3, comma 3, del DPR 177/2011″ è rivolto in particolare alle micro e piccole imprese che si occupano di bonifiche e/o manutenzione in ambienti confinati. Il volume prende ad esempio una cisterna interrata, ed ha l’obiettivo di approfondire e fornire soluzioni tecniche, organizzative e procedurali per i lavori da realizzare nelle diverse tipologie di ambienti sospetti di inquinamento o confinati, al fine di mettere a disposizione degli operatori un “catalogo” di soluzioni validate ed efficaci.

Anche nell’ambito degli ambienti sospetti di inquinamento, quindi, un’adeguata formazione è il presupposto fondamentale per lavorare in sicurezza. QSA Consulting & Project svolge corsi di formazione e addestramento obbligatori secondo le normative vigenti. Per saperne di più potete contattarci tutti i giorni ai nostri recapiti.

Lavori in quota: ricerca Inail, prevenire le cadute dall’alto nel settore marittimo

giugno 17, 2014adminNovità, Risorse0

ucm_120759I lavori in quota, in qualsiasi ambito, presentano notevoli rischi se affrontati senza le necessarie precauzioni. Ne abbiamo parlato di recente sottolineando la fondamentale importanza dei dispositivi di protezione individuali, che permettono di lavorare in sicurezza in molti scenari pericolosi.

Inail approfondisce la problematica relativa alle cadute nel settore marittimo, e mette a disposizione sul suo portale una recente ricerca dal titolo “Le cadute dall’alto per l’attività di lavoro marittimo: studio della casistica nosologica ed ipotesi di interventi preventivi”.
Il volume propone un approccio multidisciplinare volto a una migliore valutazione delle cause e conseguenze delle cadute. La ricerca ha visto l’integrazione dei dati Inail con quelli del Ministero dei Trasporti, per ampliare l’osservazione degli infortuni da caduta confrontando le due esperienze statistiche.

Lavorare in sicurezza è un diritto ma anche un dovere stabilito dalla legge, e la formazione dei lavoratori ne è il presupposto fondamentale. QSA Consulting & Project svolge corsi di formazione e addestramento obbligatori per i lavoratori in quota, secondo la normativa definita dal D. Lgs. 81/2008. Per informazioni potete contattarci ai nostri recapiti.

Il fattore anagrafico sull’andamento degli infortuni nel settore marittimo, la ricerca Inail

giugno 12, 2014adminNovità, Risorse0

CopAnalisiFattoreAnagrafico_CopAnalisiFattoreAnagraficoLa maggiore esperienza lavorativa dei lavoratori più anziani può aiutare a ridurre il rischio di infortuni nel settore marittimo?

È la domanda alla base della recente ricerca “Analisi del fattore anagrafico sull‘andamento generale del fenomeno infortunistico nel settore marittimo”, un lavoro che l’Inail ha svolto in collaborazione con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – Direzione generale per il trasporto marittimo e per le vie d’acqua interne.

Dalla pubblicazione, disponibile gratuitamente in formato PDF nel portale Inail, emerge in modo chiaro che nel settore marittimo la maggiore esperienza lavorativa non protegge in modo significativo dal rischio di infortunio. È importante quindi continuare a perseguire con determinazione gli obiettivi di sensibilizzazione ed educazione alla salute e sicurezza anche delle categorie più anziane di lavoratori, in una logica di formazione continua e permanente, adattata al lavoro quotidiano di ognuno.

Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro, disponibile l’edizione maggio 2014

maggio 30, 2014adminNovità, Risorse0

testo-unico-250pxIl Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha diffuso l’edizione aggiornata a maggio 2014 del testo coordinato del Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Queste le novità della nuova edizione:

- Inserito il Titolo X-BIS ai sensi del D. Lgs. 19/02/2014 n. 19, “Attuazione della direttiva 2010/32/UE che attua l’accordo quadro, concluso da HOSPEEM e FSESP, in materia di prevenzione delle ferite da taglio o da punta nel settore ospedaliero e sanitario”, (GU n.57 del 10/03/2014);

- Inserito il decreto interministeriale 18 aprile 2014 “Informazioni da trasmettere all’organo di vigilanza in caso di costruzione e di realizzazione di edifici o locali da adibire a lavorazioni industriali, nonché nei casi di ampliamenti e di ristrutturazione di quelli esistenti”;

- Inserita la Circolare n. 45/2013 e la lettera circolare del 27/12/2013;

- Inseriti gli interpelli 16, 17 e 18 del 2013 e dal n. 1 al n. 9 del 13/03/2014;

- Inserito il decreto ministeriale 10 marzo 1998 “Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro”;

- Inserito il decreto 15 luglio 2003, n. 388 “Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell’articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni”.

Il nuovo Testo Unico è disponibile, insieme ad altri documenti, nella sezione Risorse Utili del nostro sito:
- Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro aggiornato a maggio 2014 (formato PDF – 13,8 MB).