QSA Consulting & Project

Sicurezza nelle scuole, dall’Inail un vademecum per la gestione delle emergenze

ottobre 16, 2014adminNovità, Risorse0

ucm_150292Circa 50mila scuole, per 437mila insegnanti e più di 6 milioni di studenti. Questi i numeri della scuola dell’obbligo in Italia, che come ogni luogo di lavoro deve essere un ambiente sicuro per coloro che la frequentano quotidianamente.

Per contribuire alla diffusione sempre maggiore di una “cultura della prevenzione” anche nel mondo della scuola, arriva dall’Inail il “Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell‘infanzia, primarie e secondarie di primo grado”.
Il manuale – disponibile per il download sul portale Inail – vuole essere un valido strumento di conoscenza dei rischi presenti nelle scuole, evidenziando i pericoli spesso sottovalutati ma a volte responsabili di danni gravi alle persone.

Il vademecum segue le indicazioni dettate dal D.Lgs. 81/2008 e dalle sue modifiche e integrazioni, e illustra in modo semplice e diretto gli interventi specifici da effettuare nella gestione di un’emergenza.
È innanzitutto un supporto pratico per il personale che riveste i ruoli di Incaricato alle Emergenze di Primo Soccorso e Incaricato alle Emergenze di Prevenzione e Lotta agli Incendi. Ma, grazie al linguaggio chiaro e all’abbondanza di illustrazioni, può essere un’ottima fonte informativa anche per i non addetti ai lavori: insegnanti, collaboratori scolastici, genitori e studenti.

Modelli semplificati per la redazione di POS, PSC, FO e PSS: pubblicato il decreto interministeriale

settembre 18, 2014adminNorme, Novità0

Arrivano i modelli semplificati per la redazione del piano operativo di sicurezza (POS), del piano di sicurezza e di coordinamento (PSC) e del fascicolo dell’opera (FO) nonché del piano di sicurezza sostitutivo (PSS).

Sulla Gazzetta Ufficiale del 12 settembre è stato infatti pubblicato il decreto interministeriale del 9 settembre 2014. Con il decreto – ex articolo 104-bis del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 ed ex articolo 131, comma 2-bis del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 – sono stati individuati i modelli semplificati per la redazione del piano operativo di sicurezza, del piano di sicurezza e di coordinamento e del fascicolo dell’opera nonché del piano di sicurezza sostitutivo.

Il decreto è consultabile sul portale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Spettacoli e fiere, nel decreto del 22 luglio le nuove disposizioni per la sicurezza dei lavoratori

settembre 10, 2014adminNorme, Novità0

LAVORI_big-300pxArrivano le nuove disposizioni per la sicurezza sul lavoro nell’ambito degli spettacoli e delle manifestazioni fieristiche, grazie al decreto interministeriale del 22 luglio 2014.

Il “Decreto palchi” – emanato dal ministro del Lavoro di concerto con il ministro della Salute – individua le disposizioni che si applicano “agli spettacoli musicali, cinematografici e teatrali e alle manifestazioni fieristiche tenendo conto delle particolari esigenze connesse allo svolgimento delle relative attività”.

Il nuovo decreto adempie all’obbligo – imposto dalla legge di conversione del decreto “Del fare” – di applicare anche agli spettacoli e alle manifestazioni fieristiche le disposizioni relative alle misure di sicurezza previste dall’art. 88 del Testo unico per la sicurezza sul lavoro valide per i cantieri temporanei e mobili.

Il decreto è ripartito in due capitoli: il primo riguarda gli spettacoli musicali, cinematografici e teatrali; il secondo le manifestazioni fieristiche. Per entrambi sono elencate le attività interessate dal provvedimento (montaggio e smontaggio di opere temporanee, impianti audio, luci e scenotecnici, ecc.) e le modalità di applicazione della normativa, secondo le particolari esigenze che caratterizzano ciascuna attività.

Ancora in calo gli infortuni sul lavoro nell’ultimo anno, aumentano però le malattie professionali

luglio 31, 2014adminNovità0

ucm_portstg_076074-300pxSi conferma anche nell’anno appena trascorso la tendenza al calo degli infortuni sul lavoro.
Lo dicono i dati della relazione annuale dell’Inail presentata a luglio. Nel 2013 l’Istituto ha registrato quasi 700mila denunce, circa 50mila in meno rispetto all’anno precedente. Una diminuzione del 7% quindi, che arriva al 21% se confrontata al dato del 2009. In calo anche gli infortuni riconosciuti, passati dagli oltre 500mila del 2012 ai 457mila dell’anno scorso.

È alta la percentuale degli infortuni avvenuti fuori dall’azienda o nel tragitto tra casa e luogo di lavoro: si tratta del 18% del totale, ma che rappresentano il 57% dei casi mortali. Su 1175 denunce di infortunio mortale (nel 2012 erano state 1331), quelle riconosciute come “sul lavoro” sono 660, di cui 376 avvenute “fuori dall’azienda”. In totale sono 11,5 milioni (2 milioni in meno rispetto al 2012), invece, le giornate totali in inabilità con costo a carico dell’Inail.

C’è però anche un dato in aumento e riguarda le malattie professionali. Le denunce presentate nel 2013 sono state quasi 52mila rispetto alle 46mila dell’anno precedente. Di queste, circa 20mila – il 38% – sono state al momento riconosciute. La causa professionale è stata riconosciuta al 42% dei circa 39mila lavoratori ammalati. Sono 1475 i lavoratori deceduti, di cui 376 per malattie legate all’amianto.

I dati dell’Inail sono disponibili sul portale dell’Istituto nella sezione “Open data”, aperta dall’anno scorso e dai primi mesi di quest’anno aggiornata con cadenza mensile e semestrale con i dati sui singoli casi di infortunio. Recentemente è stato predisposto anche il modello di lettura delle malattie professionali, che sarà disponibile al pubblico entro la fine del 2014. Allo studio anche un programma di lavoro per la valutazione dell’impatto economico di infortuni e malattie.

Salute e sicurezza sul lavoro, dal 24 al 27 agosto a Francoforte il Congresso mondiale

luglio 23, 2014adminEventi, Novità0

congressflyer_en-1-250pxSi terrà a Francoforte, dal 24 al 27 agosto, la ventesima edizione del Congresso Mondiale sicurezza e salute sul lavoro – Forum globale per la prevenzione.
L’evento è promosso ogni tre anni dalle organizzazioni internazionali ISSA e ILO insieme alla tedesca DGUV, e vedrà la partecipazione di circa 4000 tra esperti, decision maker, datori di lavoro e rappresentanti dei lavoratori da oltre 130 paesi. Al centro del Forum lo scambio di idee, ricerche e buone pratiche sui temi più importanti nell’ambito della salute e sicurezza sul lavoro.

Il programma prevede sessioni plenarie e tecniche, eventi speciali, presentazioni e visite nelle aziende.
Tanti i temi in discussione, a partire dalla strategia Vision Zero per la promozione della cultura della prevenzione nella sicurezza sociale, per arrivare alle sfide che la globalizzazione e i cambiamenti demografici pongono nell’approccio al lavoro nei diversi paesi del mondo.
Non mancheranno gli eventi collaterali, come l’International Media Festival for Prevention, un concorso dedicato ai migliori lavori video sui temi della salute e sicurezza.

Read more →

Formazione finanziata per le aziende, successo per i corsi sulla sicurezza organizzati da QSA

luglio 9, 2014adminFormazione, Novità0

corsi-formazione-270pxSi stanno concludendo proprio in questi giorni i corsi obbligatori previsti dalla normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, ai sensi del D. Lgs. 81/08, cui hanno potuto aderire diverse aziende del territorio grazie al supporto e all’organizzazione della QSA Consulting & Project.

È il secondo anno che la QSA organizza ed eroga corsi con questa formula, mediante il supporto del Fon.Ar.Com. Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua, creato dalle confederazioni autonome CIFA e CONFSAL (www.fonarcom.it) consolidando l’attività formativa obbligatoria per le aziende.

I corsi sono completamente finanziati dal Fon.Ar.Com., sollevando integralmente da tale carico le aziende aderenti al progetto. Ricordiamo che Fon.Ar.Com. è un fondo cui le aziende possono iscriversi e quindi aderire versando il 3 per mille del contributo obbligatorio che già viene versato all’INPS mensilmente, non sono quindi previsti costi aggiuntivi a carico delle aziende.
Il progetto, voluto con forza da QSA Consulting & Project è la dimostrazione che quando ci sono le risorse, sia economiche che di idee, si può dar vita ad attività utili alle aziende che non restano solo slogan ma diventano fatti concreti.

I corsi, svolti presso la sede di QSA Consulting & Project e anche presso le stesse sedi aziendali, sono rivolti alle figure aziendali obbligatorie come RLS (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza), Corso per addetti all’antincendio per rischio basso e medio, Formazione ed informazione lavoratori dipendenti aziende a rischio basso/medio/elevato, modulo rischi generici e modulo rischi specifici.
Con questa attività possiamo dire che QSA Consulting & Project ha dimostrato ancora una volta come opera: con serietà, affidabilità ed al fianco delle aziende.

Per maggiori informazioni sulle attività di formazione potete contattarci tutti i giorni ai nostri recapiti.

“Casa Si Cura”, per la prevenzione degli infortuni domestici tra i collaboratori familiari

luglio 4, 2014adminNovità, Risorse0

ucm_133490Nell’ambito dell’attività di prevenzione contro gli infortuni domestici, il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali ha finanziato il progetto “Casa sicura – Campagna sulla salute e sicurezza per i collaboratori domestici stranieri in Italia”.
L’iniziativa è volta a promuovere la cultura della prevenzione e della sicurezza tra i collaboratori familiari stranieri residenti in Italia e a sensibilizzare le famiglie presso cui questi lavoratori svolgono la loro attività di cura e assistenza, con l’auspicio di contribuire così alla riduzione del rischio di infortuni.

Il progetto, alla sua prima edizione, è frutto della collaborazione tra Inail e Fondazione Labos ed ha portato alla pubblicazione di un opuscolo informativo dal titolo “Casa Si Cura – Istruzioni ad uso dei collaboratori familiari”, scaricabile dal portale Inail in quattro diverse edizioni – inglese, spagnolo, russo e rumeno – e contenente anche tutte le informazioni utili relative ai documenti necessari e agli aspetti legali legati al lavoro del collaboratore familiare.

Il rischio chimico nel settore edile, un manuale per la prevenzione dalle malattie professionali

giugno 27, 2014adminNovità, Risorse0

ucm_120425Tra gli ambienti più pericolosi per l’incolumità dei lavoratori il cantiere edile è uno di quelli che si ritrova ad essere più spesso teatro di infortuni anche gravi. Oltre agli incidenti, nel settore delle costruzioni c’è un altro grande fattore di rischio che riguarda le malattie professionali. Sebbene abbiano minore risonanza rispetto agli infortuni, sono in genere correlate all’esposizione dei lavoratori a sostanze nocive.

L’esposizione agli agenti chimici nocivi è un aspetto spesso sottovalutato nei cantieri: solventi, adesivi, oli minerali e sostanze bituminose rappresentano un pericolo quotidiano per i lavoratori. Inoltre, la presenza di queste sostanze nell’ambiente può comportare rischi anche per la sicurezza a causa del verificarsi di incendi, esplosioni o ustioni chimiche.

Oggi esistono soluzioni avanzate ed efficaci per la protezione dei lavoratori. Per aiutare gli addetti all’edilizia a difendersi dai rischi chimici l’Inail mette a disposizione, sul proprio portale, un manuale gratuito dal titolo “Il rischio chimico nel settore edile – Se lo conosci lo eviti”. I temi affrontati nel volume sono esposti con un largo uso di illustrazioni per rendere comprensibili a tutti i contenuti, tenendo conto dell’ambiente multietnico e dei diversi livelli di scolarizzazione che spesso contraddistinguono il comparto edile.

Prevenire gli infortuni sul lavoro in ambienti inquinati o confinati, il manuale Inail

giugno 24, 2014adminNovità, Risorse0

ucm_portstg_114858Negli ultimi anni gli incidenti sul lavoro in ambienti inquinati sono saliti alla ribalta della cronaca per infortuni mortali che si sono ripetuti con dinamiche spesso molto simili tra loro. Al fine di incidere positivamente sul fenomeno si è arrivati all’emanazione del DPR n. 177/2011, un regolamento che ha introdotto norme per la qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi operanti in ambienti “sospetti di inquinamento o confinati”.

Inail mette a disposizione sul proprio portale un manuale pratico che illustra le procedure di sicurezza previste dal decreto. Il “Manuale illustrato per lavori in ambienti sospetti di inquinamento o confinati ai sensi dell’art. 3, comma 3, del DPR 177/2011″ è rivolto in particolare alle micro e piccole imprese che si occupano di bonifiche e/o manutenzione in ambienti confinati. Il volume prende ad esempio una cisterna interrata, ed ha l’obiettivo di approfondire e fornire soluzioni tecniche, organizzative e procedurali per i lavori da realizzare nelle diverse tipologie di ambienti sospetti di inquinamento o confinati, al fine di mettere a disposizione degli operatori un “catalogo” di soluzioni validate ed efficaci.

Anche nell’ambito degli ambienti sospetti di inquinamento, quindi, un’adeguata formazione è il presupposto fondamentale per lavorare in sicurezza. QSA Consulting & Project svolge corsi di formazione e addestramento obbligatori secondo le normative vigenti. Per saperne di più potete contattarci tutti i giorni ai nostri recapiti.

Rai: “La sicurezza è un diritto, l’informazione è un dovere”, la campagna nazionale dal 16 al 24 giugno

giugno 18, 2014adminNovità0

campagna-rai-sicurezza-270pxPiù di ottocento morti l’anno e oltre 650 mila infortuni denunciati: sono le cifre impressionanti degli incidenti sul lavoro in Italia, che hanno spinto la Testata giornalistica regionale della Rai a dedicare proprio alla sicurezza sul lavoro la prima di una serie di campagne informative settimanali sui temi di maggiore rilevanza sociale.

Dal 16 al 24 giugno le redazioni regionali della Tgr racconteranno un’Italia di grandi emergenze ma anche di esempi virtuosi: dal dramma dell’amianto alle aziende che vantano il primato della sicurezza, dalle difficoltà dei controlli sui cantieri alle iniziative per la prevenzione in scuole e università, dagli incidenti domestici alla questione nuove dello stress da lavoro, dai casi di cronaca alle buone pratiche per la sicurezza.

“Dalle teche regionali – si legge nel comunicato dell’azienda – riemergeranno fatti di cronaca che ci aiuteranno a capire se la giustizia ha fatto il suo corso e chi aveva diritto è stato indennizzato, e come vive chi ha avuto la sfortuna di rimanere vittima di un incidente che gli ha cambiato l’esistenza. Non mancheranno momenti di approfondimento con informazioni e indicazioni pratiche anche con l’intervento di esperti, per sapere cosa fare nella propria città e nella propria regione, per avere assistenza, per avere consapevolezza dei propri doveri e saper riconoscere e rivendicare i propri diritti”.